Il vero successo di Cina 2004 lo hanno decretato gli spettatori, accorsi in 1500 alla Villa Comunale di Mascalucia per assistere alla sesta edizione del saggio di fine anno targato A.S.C.A.M., la società sportiva diretta dal maestro Francesco Spampinato. Sul palcoscenico, Domenica 25 Luglio, si sono così avvicendati un centinaio di allievi della scuola di arti marziali: Kung Fu Shaolin, Wushu, Sanda (Boxe Cinese) e Karate stile Wado Ryu sono state le discipline che hanno fatto da padrone.

Un centinaio gli atleti, innumerevoli le entrate: per il pubblico è stato un vero e proprio iter culturale di disciplina e storia orientale, dato che la scaletta è stata ricchissima, varia e a ruota continua. Per niente scontata e ripetitiva, la serata è stata organizzata come un vero e proprio spettacolo, più che come una semplice esibizione: la storia per immagini dei monaci Shaolin, le scene di difesa personale sulle note di Mission Impossibile, i combattimenti di sanda stile Rocky Balboa, hanno dato alla manifestazione un taglio diverso, affascinante anche per coloro che non amano particolarmente le arti marziali.

Terminato verso la mezzanotte, visto che il programma presentato era notevolmente ricco, lo spettacolo è stato una vera e propria festa di colori.

La sfumatura esotica l’ha poi data il maestro Huang Shao Song, cinese di nascita e studi e italiano d’adozione. Huang, al termine della serata, ha eseguito la verticale su due dita, esercizio oltre che fisico anche meditativo per il quale il maestro venuto dall’Oriente è divenuto famoso in tutto il mondo e che continua ad essere la sua specialità, praticata ancora esclusivamente da lui.

Il “ragazzo dalle dita d’acciaio” – così è stato soprannominato – ha raccolto gli applausi anche dei più freddi spettatori della platea e distribuito un nugolo di autografi a quei ragazzi che, anno dopo anno, nota essere incredibilmente migliorati.

Massima soddisfazione quindi per il maestro Francesco Spampinato che, oltre ad aver supportato il peso dell’organizzazione di uno spettacolo che farebbe invidia a quello di un team di professionisti, ha anche eseguito la spettacolare e tradizionale danza del leone assieme al maestro Huang Shao Song ed agli atleti Corsaro e Storniolo.Se non bastasse, alla riuscita della serata ha contribuito Agata Sciacca che ha portato gli allievi della sua scuola di danza sullo stage esibendo coreografie Jazz, Hip Hop e contemporanee.